Eintracht Francoforte – F. C. INTER : 0 - 0

Inferno doveva essere ed inferno è stato. Però lo 0-0 di Francoforte ha dato buone indicazioni a Spalletti e all’Inter, capace di dominare per un tempo su un campo difficilissimo. E in più di non prendere gol contro il miglior attacco dell’ Europa League. Fin qui le buone notizie, poi ci sarebbe anche due note negative, non troppo marginali. La prima è il rigore sbagliato da Brozovic che magari avrebbe indirizzato diversamente il risultato finale. Poi l’ infortunio di Perisic, un affaticamento agli adduttori della coscia sinistra: dopo il k.o. di Nainggolan, ecco un altro brutto pensiero per Spalletti ,che per il ritorno perderà anche Lautaro per squalifica . Ecco, mai come adesso sarebbe fondamentale ritrovare Icardi.

BROZO SPRECA — Personalità aveva chiesto Spalletti. E il primo tempo dell’Inter è stato da grande squadra. Per intensità, qualità di gioco e di scelte, col grande rammarico di aver chiuso la prima frazione sullo 0-0. Perisic è ispirato e lo dimostra subito con una bella percussione a sinistra, ma sul traversone basso non ci sono compagni pronti a concludere. D’ Ambrosio (3’) scalda Trapp dalla distanza , poi è l’ Eintracht a provare a entrare in partita con un paio di ripartenze. È solo un fuoco di paglia, perché l’Inter riprende in mano il match e costringe i tedeschi a correre a vuoto. Al 21’ l’episodio che potrebbe cambiare il volto della partita: Lautaro si avventa su una palla vagante in area, Gelson Fernandes lo tocca e per l’arbitro Collum è rigore. Dal dischetto a sorpresa si presenta Brozovic (i due precedenti rigori senza Icardi li avevano trasformati Lautaro e Perisic) ma Trapp vola alla sua sinistra e manda in angolo. E il boato di esultanza della curva tedesca fa tremare lo stadio. Scampato il pericolo l’ Eintracht sembra crederci di più, ma poi è sempre l’ Inter a creare potenziali occasioni: Brozo (42’) apre per Politano che al volo crossa per Vecino, ma il colpo di testa dell’ uruguaiano finisce a lato.

pressione tedesca — L’ inversione di campo porta anche un cambio di inerzia nel gioco, perché l’Eintracht stavolta entra con la testa giusta e la volontà di vincere la gara. Nei primi minuti i tedeschi collezionano diversi corner e da uno di questi trovano anche il vantaggio con N’Dika, ma il tocco precedente di Haller (in offside) vanifica tutto. L’Inter intanto perde anche Perisic per un guaio muscolare e l’uscita del croato toglie a Spalletti un’arma fondamentale in campo aperto. Perché l’ Eintracht ora palleggia molto a ridosso dell’area nerazzurra e sempre con maggior pericolosità. Al 25’ Hinteregger non trova la porta di testa da posizione vantaggiosissima, su splendida imbeccata di Kostic, poi è ancora il difensore dalla
distanza a impensierire Handanovic.

ASSALTO EINTRACHT — Kostic continua a dominare a sinistra e a costruire percoli, ma la mira degli attaccanti tedeschi è piuttosto sfocata. Così Huttler prova la carta Paciencia (decisivo nell’ ultimo match di campionato in pieno recupero): il portoghese sfiora il palo da fuori (40’), poi Handanovic dice no a Jovic (in tuffo) e a Gacinovic (tiro centrale, parata in due tempi). Il pubblico spinge fino all’ultimo secondo, ma l’assalto Eintracht non trova gloria. Tutto rimandato a San Siro: un mini vantaggio per l’Inter, ma serviranno due tempi da big per conquistare i quarti di finale.

 

EINTRACHT (3-4-1-2): Trapp; Hinteregger, Hasebe, Ndicka; da Costa, Fernandes, Rode (32' st Willems), Kostic; Gacinovic; Haller (35' st Paciencia), Jovic.

A disposizione: Russ, de Guzmàn, Stendera, Falette, Ronnow. Allenatore: Hutter

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D'Ambrosio, Skriniar, de Vrij, Asamoah; Vecino, Brozovic; Politano, B. Valero (35' st Cedric Soares), Perisic (14' st Candreva); Martinez.

A disposizione: Ranocchia, Miranda, Padelli, Schirò. Allenatore: Spalletti

ARBITRO: Collum (Gbr)

NOTE: Al 22' pt Brozovic (I) ha sbagliato un calcio di rigore (parato). Ammoniti: Kostic, Hasebe, Fernandes
(E); Asamoah, Martinez, Candreva (I). Recupero: 1' pt, 3' st.

http://www.corrieredellosport.it   

https://www.gazzetta.it

http://www.tuttosport.com/